Invito in giardino

Questo libro è un invito a visitare, stando comodamente seduti in poltrona,  dei magnifici giardini.
Sono giardini nascosti di antichi palazzi, giardini che non esistono più perché sono purtroppo andati perduti.
Altri sono inaccessibili perché si trovano all’interno di conventi.
Ci sono anche quelli che sono stati “restaurati” con l’aiuto di antichi documenti e godono di nuova vita.
Ci sono poi giardini inattesi, che non ci si aspetterebbe di ritrovare all’interno di una grande fabbrica o “inventati” come quello del Borgo Medioevale di Torino.
Un tuffo nel passato, osservando bellissime immagini e magari gustando antiche ricette che hanno come ingredienti fiori e piante e che corredano il libro.
Una lettura piacevole, rilassante e molto istruttiva.

 8,99

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su email

Questo libro è un invito a visitare, stando comodamente seduti in poltrona,  dei magnifici giardini.
Sono giardini nascosti di antichi palazzi, giardini che non esistono più perché sono purtroppo andati perduti.
Altri sono inaccessibili perché si trovano all’interno di conventi.
Ci sono anche quelli che sono stati “restaurati” con l’aiuto di antichi documenti e godono di nuova vita.
Ci sono poi giardini inattesi, che non ci si aspetterebbe di ritrovare all’interno di una grande fabbrica o “inventati” come quello del Borgo Medioevale di Torino.
Un tuffo nel passato, osservando bellissime immagini e magari gustando antiche ricette che hanno come ingredienti fiori e piante e che corredano il libro.
Una lettura piacevole, rilassante e molto istruttiva.